Bandiera - ViscianoTV

VISCIANOTV
Non Facciamo Video,Montiamo Emozioni.

COMUNE DI VISCIANOCONCERTIARTEAMBIENTE - SOCIALE - IMPRESEORATORIOPRO LOCOPRO VISCIANONUMERI UTILIEREMO DEI CAMALDOLIMARIA SS. CONSOLATRICE DEL CARPINELLO VISCIANOTV SALUTEHOBBY & SPORT GASTRONOMIAMISSIONARI DELLA DIVINA REDENZIONEOSPITALITA'MADRE ANNA VITIELLOPADRE ARTURO D'ONOFRIOCONCORSI

AMBIENTE - SOCIALE - IMPRESELUGLIO VISCIANESECULTURA E TERRITORIOPRO VISCIANONUMERI UTILIEREMO DEI CAMALDOLICONCERTIMARIA SS. CONSOLATRICE DEL CARPINELLOSALUTEARTEHOBBY & SPORTGASTRONOMIACONCORSIOSPITALITA'MISSIONARI DELLA DIVINA REDENZIONEPADRE ARTURO D'ONOFRIOMADRE ANNA VITIELLOAFFITTIVISCIANOTV

Vai ai contenuti
FESTA DI VISCIANO
La Festa della Bandiera di Maria Santissima Consolatrice del Carpinello
La Bandiera, di cui si celebra la festa nel mese di giugno a Visciano, è di colore blu e non bisogna confonderla con quella dei battenti, che è di colore rosso. Dopo questa precisazione, ecco la storia della nascita di questo evento.

 




Nel nostro Piccolo Paese, tra il 1925 e il 1930, nacque un comitato spontaneo di persone, tra i primi fondatori ci furono: “zi Tore ‘e pisco” e “zi Giovanni” detto o “fascista” appartenente alla famiglia Castaldo. Il Comitato si proponeva di aiutare le persone più bisognose, perciò si pensò di creare una bandiera con l’immagine della Madonna del Carpinello, e sul retro, la scritta: “ Società agricola mutuo soccorso agrario”.



Il comitato aveva il compito di raccogliere fondi per le masserie, per i vicoli, per le case, per le strade di Visciano e per le zone limitrofe, portando come vessillo di riconoscimento la bandiera, onde poter raccogliere farmaci, alimenti, vestiario di ogni genere e denaro. Tutto quello che si raccoglieva veniva messo in deposito, per poi farne dono alle famiglie bisognose durante l’anno. Un giorno, il comitato venne convocato dal potestà del Paese, il quale diede ordine all’associazione che, durante le questue in occasione di feste, come musica di accompagnamento della bandiera con l’immagine della Madonna e sul retro la scritta “Società agricola mutuo soccorso”, doveva essere suonata una marcetta reale per onorare anche il RE. La marcetta scelta fu quella scritta da E.A Mario avente il titolo di “Passa ‘a bandiera, passa ‘a patria e ‘o RE”.
PASSA 'A BANDIERA

(Lo Martire, E. A. Mario - 1928)
Passa 'a fanfarra e sona 'a marcia riale,
passano 'e bersagliere e 'o Triculore.
Vedenno 'e tre culure nazionale
ognuno sente 'a Patria dint' 'o core.
Tutt' 'e guagliune corrono,
sbattono forte 'e mmane,
e saje chi só'?
Só' 'e surdate 'e dimane.
Passa la fanfara e suona la marcia reale,
passano i bersaglieri e il Tricolore.
Vedendo i tre colori nazionali,
ognuno sente la Patria nel cuore.
Tutti i ragazzi corrono,
sbattono forte le mani,
e sai chi sono?
Sono i soldati di domani.
Passa 'a bandiera,
svèntola e va,
cuntenta e allèra
'o viento 'a fa.
E saje pecché
s'ha misa 'a nocca blummaré?
Passa 'a bandiera
e passa 'a Patria
e 'o rre.

Passa la bandiera,
sventola e va,
contenta e allegra
la rende il vento.
E sai perché
si è messa il fiocco blu mare?
Passa la bandiera
e passa la Patria
e il re.
Guarda, só' tre culure e só' stracciate,
gente e cadé e murì hanno viste assaje,
ma chille che 'a bandiera ha cummigliato,
só' muorte ca nun murarranno maje.
Tant'uommene salutano
cu 'a mano 'e bersagliere,
e saje chi só'?
Só' 'e suldate d'ajére.
Guarda, sono tre colori e sono stracciati,
hanno visto molta gente cadere e morire,
ma quelli che la bandiera ha avvolto,
sono morti che non moriranno mai.
Tanti uomini salutano
con la mano i bersaglieri,
e sai chi sono?
Sono i soldati di ieri.

Passa 'a bandiera,
svèntola e va,
cuntenta e allèra
'o viento 'a fa.
E saje pecché
s'ha misa 'a nocca blummaré?
Passa 'a bandiera
e passa 'a Patria
e 'o rre.
Passa la bandiera,
sventola e va,
contenta e allegra
la rende il vento.
E sai perché
si è messa il fiocco blu mare?
Passa la bandiera
e passa la Patria
e il re.
N'ommo resta cu 'a capa cummigliata,
corre nu giuvinotto risuluto:
"E tu 'a bandiera nun ll'hê salutata?
Ch'è, nun 'a cride degna 'e nu saluto?"
Ma chillo scappa a chiagnere,
po' dice a 'sta minaccia:
"'O bbi' chi só'?
Ll'aggio dato 'e ddoje braccia".
Un uomo rimane con la testa piegata,
corre un giovanotto risaluto:
"E tu la bandiera non l'hai salutata?
Che c'è, non la ritieni degna di un saluto?"
Ma quello scappa a piangere,
poi dice a questa minaccia:
"Lo vedi chi sono?
Le ho dato tutte e due le braccia".
Passa 'a bandiera,
svèntola e va,
cuntenta e allèra
'o viento 'a fa.
E saje pecché
s'ha misa 'a nocca blummaré?
Passa 'a bandiera
e passa 'a Patria
e 'o rre.
Passa la bandiera,
sventola e va,
contenta e allegra
la rende il vento.
E sai perché
si è messa il fiocco blu mare?
Passa la bandiera
e passa la Patria
e il re.
Da quel momento la banda intona sempre e solo la stessa marcetta, per mantenere questo riferimento storico. La tradizione vuole che, ancora oggi, la gente di Visciano partecipi con tanto amore, fede e commozione a questa manifestazione.

La bandiera, dal mattino fino a sera inoltrata, passa per tutte le strade, i vicoli, le corti, le masserie, per ogni angolo e casa, come benedizione per scongiurare malattie, carestie e chiedere grazie.





A tutt’oggi la bandiera viene custodita con amore e devozione dalla famiglia Castaldo, da Emilio, nipote di uno de fondatori della tradizione. Ogni anno viene consegnata al nuovo “Comitato Festa del mese di luglio” per percorrere l’itinerario lungo tutto il territorio comunale.




La bandiera, dal mattino fino a sera inoltrata, passa per tutte le strade, i vicoli, le corti, le masserie, per ogni angolo e casa, come benedizione per scongiurare malattie, carestie e chiedere grazie.






A conclusione della giornata, la bandiera si ferma sul sagrato del Santuario dove si assiste ad un suggestivo spettacolo pirotecnico,e alla fine entra nel santuario per i ringraziamenti poi viene riconsegnata alla famiglia Castaldo.



Created with ViscianoTV
Copyright ViscianoTV . E' severamente vietata la riproduzione anche parziale dei contenuti e delle immagini .
Tutti i contenuti testuali, grafici e altri contenuti su questo sito web, se non diversamente indicato, sono proprietà di ViscianoTV. Tutti i diritti riservati.
Directions & Contatti
Via Libero Bovio n°48 -80030
Visciano (NA), IT   +39333562274  +393277941370 (sede)






Torna ai contenuti